Un anziano suicida dopo la truffa: zingare condannate

Tra il 2003 e il 2005 avevano messo a segno oltre una decina di truffe ai danni di anziani e una loro vittima, forse per la vergogna di essere stato raggirato, si era suicidato poche ore dopo la loro visita. Ieri due donne nomadi di etnia sinti, residenti nei campi di Chivanno e Nichelino, in Piemonte, sono state condannate a sette anni e 4 mesi e a cinque anni dai giudici dell’ottava sezione del Tribunale di Milano che, per la prima volta nel capoluogo lombardo, hanno riconosciuto l’associazione a delinquere.