«Aperti al dialogo con Unipol»

da Milano

Luigi Abete, numero uno di Bnl, si è detto ieri disponibile a stabilire contatti con Unipol. Ma la disponibilità per il momento, «non è stata raccolta». Intanto la Consob ha ufficializzato che la compagnia assicuratrice è salita in Bnl al 9,987%. Ed ora toccherà alla compagnia delle cooperative scoprire le sue carte. Due le possibilità: il lancio di una contro-Opa su Via Veneto, che contrasti l'offerta degli spagnoli oppure l'eventualità, che sembra prendere piede, di una valorizzazione dell'investimento di Unipol in Bnl Vita. A meno di una settimana dell'assemblea del Bilbao (in calendario per il 14), Abete ha ricordato che il progetto degli spagnoli di lanciare l'offerta «è ormai in fase di definitivo decollo» ed è arrivato il momento di «spostare l'attenzione sul futuro dell'azienda». Bnl, grazie al Bilbao, avrebbe l'opportunità «di entrare in un network internazionale e quindi di sfruttare appieno il suo dna storico, le sue potenzialità professionali e le opportunità del suo brand».
Abete ha anche colto l' occasione per formulare un suo auspicio sul futuro della banca: la sua speranza è che «presto» si chiuda questa fase di transizione e «prestissimo si cominci la fase di valorizzazione dell'azienda Bnl all'interno di un progetto che la rafforza e la sviluppa».