Apocalypto, il Tar ribadisce il divieto ai minori di 14 anni

La pellicola di Mel Gibson giudicata troppo violenta e per questo non adatta ai bambini

Roma - Nuove grane, in Italia, per Apocalypto, l'ultimo film sulla civiltà Maya girato da Mel Gibson. Il Tar del Lazio ha confermato il divieto alla visione per i minori di 14 anni. La II Sezione quater del tribunale amministrativo, ha accolto la richiesta del Codacons di confermare la decisione con la quale il presidente della stessa sezione, Italo Riggio, l'8 gennaio aveva con proprio decreto dato lo "stop" alla visione per i minori di quattordicenni anni. I giudici hanno ritenuto che "la crudezza di alcune scene è stata avvertita dalla stessa società Eagle Pictures, la quale con nota del 4/1/07 ha raccomandato agli esercenti delle sale cinematografiche una particolare sensibilita all'ingresso dei minori in sala, richiedendo la presenza di un genitore o comunque di un maggiorenne, qualora il minore insistesse per l'ingresso in sala". Anche per questa ragione i giudici hanno deciso di confermare il divieto per la pellicola di Mel Gibson.