Appalti Romeo, indagato il deputato Laboccetta

Il parlamentare del Pdl risulta indagato nell’ambito dell’inchiesta sugli
appalti a Napoli. Nei suoi confronti è stato emesso oggi un
invito a presentarsi in cui si ipotizzano i reati di
associazione per delinquere e turbativa d’asta. Interrogatorio fissato per lunedì

Napoli - Il parlamentare del Pdl Amedeo Laboccetta risulta indagato nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti a Napoli. Nei suoi confronti è stato emesso oggi un invito a presentarsi in cui si ipotizzano i reati di associazione per delinquere e turbativa d’asta. Il provvedimento è stato firmato dai pm titolari dell’indagine, i sostituti della Dda Vincenzo D’Onofrio, Raffaello Falcone e Pierpaolo Filippelli. L’interrogatorio del deputato è stato fissato per lunedì prossimo in procura.

Laboccetta: "Sono indignato" "Non mi aspettavo certo di essere convocato in Procura a Napoli per lunedì prossimo in qualità di indagato. Pensavo che al limite i pm partenopei mi avrebbero ascoltato quale persona informata sui fatti rispetto alla vicenda Global Service", dichiara Laboccetta, dicendosi "pronto" a rispondere a qualsivoglia domanda inerente l’inchiesta in corso. "Sono convinto di poter chiarire la mia posizione ed ottenere un’immediata archiviazione", prosegue Laboccetta rifiutandosi di pensare che "con l’invito a presentarsi si sia voluta aprire la campagna elettorale a Napoli". "Non sono compagno di merende di alcun soggetto coinvolto nell’inchiesta. Non mi occupo di appalti o di clientele - conclude l'esponente del Pdl -e chi mi conosce lo sa. Respingo con fermezza le accuse che mi vengono mosse".