Appello del Papa: Damasco rispetti i suoi concittadini

Città del Vaticano Benedetto XVI riceve in Vaticano il premier libanese Najib Mikati e parla anche della Siria: un appello per il ritorno di una «pacifica convivenza» basata sulla giustizia e sul rispetto dei diritti. Ma anche la sottolineatura del «fondamentale» ruolo dei cristiani per il contributo alla riconciliazione e alla pace in tutta l’area mediorientale. Un’udienza in cui il primo ministro libanese, un musulmano sunnita, da giugno a capo di un governo appoggiato anche da Hezbollah, ha rinnovato al Papa l’invito ufficiale a visitare il suo Paese. Si fa quindi sempre più concreta la possibilità, già circolata sulla stampa locale che citava fonti della Chiesa maronita, che l’anno prossimo il Pontefice possa recarsi in Libano. Nel «Paese dei cedri» papa Ratzinger vorrebbe parlare di pace in Medio Oriente, sicurezza e diritti delle popolazioni, dialogo e convivenza tra le religioni, situazione delle comunità cristiane.