Apple rivoluziona ancora i suoi desktop

Steve Jobs lancia tre computer fissi con schermi widescreen da 20 e 24 pollici, design innovativo e "all in one", processori Intel Core 2 Duo. Prezzi aggressivi e caratteristiche per le esigenze del "digital lifestyle"

Da questo mese, sia gli utenti professionali sia quelli consumer di pc hanno diversi motivi in più per prendere in considerazione l'acquisto di un desktop Apple invece di un personal computer Window tradizionale. Il 7 agosto Steve Jobs, il fondatore e Ceo della Mela, ha lanciato la nuova famiglia dei computer fissi iMac, che per certi aspetti - prezzi aggressivi, processori Intel, etc. - ribadiscono l'approdo agli standard più diffusi del personal computing, ma per altri - design elegante e "all in one", robustezza, ecocompatibilità - riconfermano la vocazione rivoluzionaria della casa di Cupertino.

I nuovi iMac si caratterizzano per l'uso di monitor widescreen Lcd con vetro antigraffio da 20 e 24 pollici e di processori Intel Core 2 Duo da 2,0 e 2,4 GHz.

Sul sito di e-commerce Apple Store o nella grande distribuzione o nei negazi specializzati Apple, gli utenti possono acquistare due modelli di iMac con schermo 20" e uno con display da 24". I due con monitor 20" sono proposti con processori da 2,0 GHz (prezzo:1.199 euro Iva inclusa) o 2,4 GHz (1.449 euro). Entrambi hanno una memoria Ddr2 Sdram a 667 MHz da 1 GB espandibile fino a 4 GB, unità ottica con supporto multi-layer, videocamera iSight per videoconferenze integrata, scheda wireless con protocollo 802.11n (molto più veloce e con più ampia copertura del più diffuso 802.11g), connettività Bluetooth 2.0+Edr, uscita Mini Dvi, casse stereo e microfono integrati, tastiera innovativa in alluminio ultrasottile, puntatore Mighty Mouse e telecomando a infrarossi Apple Remote.

I due modelli con il monitor più piccolo si differenziano per le schede video e l'hard disk pre-integrati. Quello con processore da 2,0 GHz ospita una scheda grafica scheda grafica Ati Radeon Hd 2400 Xt con 128MB di memoria Gddr3, mentre quello con Cpu da 2,4 MHz monta una graphic board Ati Radeon Hd 2600 Pro con 256MB di memoria Gddr3. Il primo dispone di un disco rigido Serial Ata da 250 GB a 7200 rpm, mentre quello del secondo modello ha una capacità di 320 GB.

Per gli utenti più esigenti, l'iMac con display da 24 pollici (1.749 euro Iva inclusa) offre in più - rispetto ai precedenti - anche un processore da 2,4 GHz, mentre la scheda grafica è la Ati Radeon He 2600 Pro e il disco rigido è da 320 GB.

Upgrade disponibili online
Chi acquista l'iMac da 24" in modalita Bto (build-to-order) sul sito Apple Store, può richiedere, come opzione, il montaggio di un processore Intel Core 2 Duo da 2,8 GHz e l'espanzione della Ram a 4 GB e del disco rigido fino a 1 terabite (1.000 gigabyte). Per i modelli da 20" sono proposte, invece, solo le espansioni di memoria Ram fino a 4 GB e di quella fissa fino a 500 GB.

Per tutti i modelli sono disponili opzioni hardware e software quali la nuova tastiera Apple wireless (da fine agosto) con Mighty Mouse wireless; l'access point AirPort Express® e AirPort Extreme (ora con Gigabit Ethernet); l’AppleCare Protection Plan; e copie preinstallate di iWork™ ’08, Logic® Express 7, Final Cut® Express Hd 3.5 e Aperture 1.5.

Per l'utente del Web 2.0
Per tornare agli aspetti più rivoluzionali della nuova famiglia di desktop di Apple, si segnala l'adozione di un design minimalista ed elegante, con l'impiego di alluminio "professionale" che si sposa con parti in vetro antigraffio. Tutta la progettazione è all'insegna di quella semplicità che è sempre stata il pallino fisso di Steve Jobs. Tutto è integrato (compresi altoparlanti, microfono e videocamere) e offerto anche con connettività wireless (telecomando, mouse e - volendo - tastiera) per evitare le spiacevoli matasse di cavi che spesso ingombrano scrivanie e tavoli da salotto.

Le parti utilizzate sono robuste, costruite con materiali riciclabili e la tecnologia è compatibile con i nuovi e severi requisiti richiesti dallo standard per l'ecosostenibilità Energy Star 4.0. Hardware (chip, schede grafiche, dischi rigidi), connettività (Wi-Fi 802.11n, Gigabit Ethernet, Bluetooth, 5 porte Usb più una porta FireWire da 400 MHz e una da 800 MHz) e software (il mitico sistema operativo Mac Os X versione 10.4.10 Tiger, che include Safari™, Mail, iCal®, iChat AV, Front Row e Photo Booth; inoltre è preintallata la suite di applicativi per la gestione di video, foto, musica e siti Web iLife '08) rendono questi desktop affidabili e ridondanti per gli utenti orientati al "digital lifestyle" e a quella generazione e fruizione di contenuti (foto, video, musica, blog etc.) che caratterizza il cosiddetto Web 2.0.