Appoggio esterno: Mastella interroga il Campanile

da Roma

Summit tra i vertici del Campanile. Oggi Clemente Mastella riunisce la Direzione nazionale dell'Udeur. All'ordine del giorno innanzi tutto i rapporti con l'Unione alla luce della scelta di Ds e Margherita di correre con una lista unitaria alle prossime elezioni politiche. La riunione del parlamentino Udeur servirà anche a fare un bilancio delle primarie e del risultato raccolto dal leader (4,6%). Il segretario proporrà al partito un rapporto esterno con l'Unione senza però farne parte organica. Su questa scelta Mastella sta valutando anche la possibilità di convocare un congresso straordinario a gennaio. La decisione di modificare la natura dei rapporti con l'Unione è maturata in seguito alla presa d'atto che la nuova legge proporzionale modifica la natura dei rapporti con la coalizione. Con il maggioritario si sarebbe lavorato alla indicazione di candidati comuni e comune sarebbe stata la campagna elettorale. Con il proporzionale, spiega il capo della segreteria politica, Mauro Fabris, «occorrerà uno sforzo in più per radicarci sul territorio e caratterizzarci come abbiamo già cominciato a fare su diverse tematiche, come la fecondazione assistita. Con il proporzionale insomma l'alleanza diventerà più che altro programmatica seppure con un leader riconosciuto da tutti». Alla luce della riforma elettorale si riaprirebbe anche il discorso sui Radicali nei confronti dei quali l'Udeur aveva imposto l'ultimatum «o noi o loro», se l'ipotesi fosse stata quella di un ingresso nel centrosinistra.
L’altro tema che affronterà la Direzione dell’Udeur sarà proprio quello della riforma elettorale e del suo passaggio parlamentare al Senato. Mastella nei giorni scorsi ha già fatto polemicamente sapere ai partiti dell’Unione che voterà sì al proporzionale. Si tratta di un passaggio delicato, ma il partito sarebbe convinto a dare il suo assenso alla legge per giocare una partita a tutto campo e diventare determinante al Senato.