Apre alla stazione Centrale il «villaggio di Natale»

«La città percepisce la stazione Centrale come polo dello shopping. E ha anche meno paura». Fabio Battaggia, l’ad di Grandi Stazioni - la società che gestisce l’infrastruttura della Centrale e che dal 2008 l’ha rimessa a nuovo - fa un bilancio delle proprie attività e dei progetti futuri, confortati da un più 99.7 per cento del grado di soddisfazione della clientela.
Così, mentre si prepara ai lavori di revisione delle scale mobili, alla realizzazione dell’ascensore che porterà dal metrò ai binari e infine alla costruzione della cancellata che circonderà la Galleria delle Carrozze, da domani fino all’8 gennaio, la società ha creato un vero e proprio villaggio di Natale, con cinquanta stand di prodotti (in particolare alimentari) da tutto il mondo, ideali per i regali delle festività.
«La Centrale non è più sinonimo d’insicurezza - conclude Battaggia -. Con i suoi 76 punti vendita e altri venti in via di apertura e le 250 telecamere a circuito chiuso la stazione è l’area più sorvegliata di Milano: non si sente più parlare di borseggi e stupri».