Apre a Vancouver il Salone delle Vite Parallele

VANCOUVER, 23 marzo 2076. A un secolo esatto dalla nascita di Alfred Moga, il medico neozelandese creatore del Sistema Binario Vivente, si apre domani a Vancouver il primo Salone delle Vite Parallele. Attesi oltre mille espositori provenienti da circa cento nazioni del Primo e del Secondo Impero che presenteranno al pubblico le loro creazioni ibride.
Come noto, l’SBV di Moga, lanciato sul mercato delle biotecnologie nel 2041, permette di concentrare nella stessa unità detta bond (body, «corpo», + mind, «mente») le identità fisiche e cerebrali di un essere umano e di un altro animale non razionale. Ebbene, proprio sul concetto di bond si basa la cosiddetta History Science, una branca dell’Ingegneria Creazionista che negli ultimi anni si sta diffondendo nei laboratori di mezzo mondo. In sostanza si tratta di collocare due bond differenti (a esempio un uomo-farfalla e una donna-iena) nello stesso ambiente e seguirne l’intera parabola esistenziale (accelerandola a piacere) per poi, dopo il decesso dei soggetti, verificare i loro punti di contatto comportamentali e genetici.
Fra le coppie più interessanti che verranno presentate al Salone canadese, anche quella formata da Mister Dog e Lady Tiger, nati in un centro specializzato di Osaka e, si dice, in grado addirittura di accoppiarsi.