Arance in piazza per ridurre i rischi di tumore

Le arance rosse di Sicilia sono in viaggio. E domani sbarcheranno in 2.500 piazze italiane, per diventare simbolo della battaglia contro il cancro. È l’iniziativa promossa dall’Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) e presentata ieri a Milano. «Arance della salute» per sostenere la ricerca. «Il messaggio - spiega Umberto Veronesi, direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia e testimonial dell’iniziativa - è che l’alimentazione è importante». Si ritiene infatti che circa il 30 per cento dei tumori sia legato al cibo. Proprio in funzione delle potenzialità antiossidanti di alcune sostanze presenti nei cibi, è importante seguire un’alimentazione corretta. È questo il consiglio degli esperti, che hanno colto l’occasione per sottolineare i benefici della dieta mediterranea. Alleate di Airc nel divulgare questo messaggio saranno le osterie Slow Food, che avranno il compito di coinvolgere la clientela nell’iniziativa «Arance della salute», organizzando eventi a livello locale. Insieme alle 450mila reticelle, contenenti 3 chili di arance, sabato verrà distribuito un libretto di ricette utili e informazioni su dieta e cancro. Donate dalla regione Sicilia, le arance verranno distribuite nelle piazze italiane dai 20 mila volontari dell’Airc, in cambio di un contributo di 8 euro per sostenere la ricerca sul cancro. Un milione e 400mila chili di arance che potrebbero trasformarsi in oltre 4 milioni di euro, fondi da destinare a 36 progetti regionali Airc, partiti nel 2005 e oggi in fase conclusiva. «Finanziare questi progetti - ha spiegato il direttore scientifico dell’Airc Maria Ines Colnaghi - significa contribuire alla caccia ai geni che fanno progredire i tumori».