Arancia meccanica in Florida: banda di 15enni si divertiva sgozzando e ammazzando

Una banda con la passione per il sangue terrorizza Kissimee. In manette il 15enne Konrad Shafer: "Ho ucciso per divertirmi". Violenza gratuita e sparatorie a caso

Arancia Meccanica a Kissimmee. Sangue e violenze a solo mezz’ora di macchina dal magico mondo di Disneyworld. E la Florida piomba nel terrore. Il nuovo Alex si chiama Konrad Schafer e ha solo 15 anni. Un viso d'angelo e la passione per il sangue. Perché, per lui, ammazzare ragazzi più grandi sarebbe stato un vero e proprio divertimento. Lo ha ammesso lui stesso davanti alla polizia dopo esser stato arrestato per l’assassinio di due giovani durante due settimane di violenza gratuita e sparatorie a casaccio con un gruppo di amici.

Per la polizia Konrad Schafer è un killer a sangue freddo. Il biondino aveva ricevuto in dono dal padre un fucile calibro 45 il 25 giugno, il giorno prima dell’inizio delle scorribande in giro per Kissimmee. La gang, della quale facevano parte anche una ragazza, la 17enne Victoria Rios, e due giovani ventenni, Juan Sebastian Muriel e David Damus, aveva cominciato prendendo di mira case e negozi, poi era passata a bersagli in carne e ossa. Ne hanno fatto le spese il 17enne David Guerrero e il 22enne Eric Roopnarire. "Non abbiamo indicazioni di sorta che le vittime stessero facendo qualcosa di male", ha detto il capo della polizia di Kissimee Lee Massie annunciando gli arresti. "Sfortunatamente per loro - ha continuato - c’erano un paio di individui che avevano deciso di ammazzarli senza alcuna ragione".

Dopo aver avuto il primo "assaggio" con l’assassinio di Guerrero, avvenuto il 26 giugno, la banda di killer avevano aspettato fino alla notte del 3 luglio per rapinare e uccidere Eric Roopnarine. Damus aveva premuto il grilletto e Schafer aveva finito il lavoro tagliando la gola della vittima. Episodi di violenza, che la polizia locale ha definito "insensata" e di cui sono protagonisti giovanissimi. Le "gesta" di Konrad e dei suoi compagni arrivano mentre in America, a dispetto dell’indignazione per la strage dei bambini di Newtown in Connecticut, è sempre più facile entrare in possesso e usare fucili e pistole. Ieri l’Illinois è diventato il 50° stato americano in cui è possibile portare in luoghi pubblici armi da fuoco nascoste nonostante l’opposizione del governatore democratico Patrick Quinn e nonostante in fatto che Chicago, la metropoli più importante dello stato, sia una delle capitali degli omicidi degli Stati Uniti: sessanta feriti e dodici morti solo durante il lungo ponte del 4 luglio.

Mappa

Commenti
Ritratto di Tora

Tora

Gio, 11/07/2013 - 11:52

La stessa arma che in mano ad un delinquente può uccidermi, nella mia può salvarmi la vita. Il delinquente però ha molte più chances di entrarvi in possesso di quante ne possa avere io facendone legalmente richiesta. Ergo, se è consentito, e nei fatti lo è, che un bandito si possa armare per uccidere, dovrebbe esserlo altrettanto per me potermi difendere.

handy13

Gio, 11/07/2013 - 12:03

..fossero in Italia,...si cercherebbe di aiutarli e recuperarli sti poverini,..mentre in America difficilmente usciranno,...due modi di giudicare,..meglio il secondo, la nazione (una nazione) può andare avanti benissimo anche senza queste persone in giro...

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 11/07/2013 - 12:10

Lavori forzati a vita, la pena di morte sarebbe un'uscita troppo facile.

vabbeh

Gio, 11/07/2013 - 13:08

eccolo qui: guardatelo bene negli occhi il sogno americano.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 11/07/2013 - 13:30

Adesso pero' la pagano cara, se fossero in italia 3 annetti in comunita, poi fuori, la fidanzatina, sulle copertine dei media gosdippari, in tv e via di questo andazzo.

Ritratto di maurofe

maurofe

Gio, 11/07/2013 - 13:31

Per fortuna che in America esiste la pena di morte così queste bestie ottengono quello che meritano!

Ritratto di speedy52

speedy52

Gio, 11/07/2013 - 13:53

Sicuramente avranno la giusta punizione, mi chiedo anche dove sono i genitori di questi ragazzini.....

BlackMen

Gio, 11/07/2013 - 14:14

maurofe: spiacente deluderla ma in America la pena di morte non si applica più ai minori dal 2005

petra

Gio, 11/07/2013 - 14:25

BlackMen La pena di morte sui minori proprio no. In America molti ragazzi crescono col mito della violenza. O sei "forte" o sei femminuccia.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 11/07/2013 - 14:33

Tora: la sua logica è proprio quella che ha permesso una situazione del genere negli USA...

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 11/07/2013 - 14:46

Il problema NON sono le armi ma la volontà omicida. Quel ragazzo ha ucciso con un coltello ed è impossibile vietare i coltelli, quindi l'articolista che si rifà al caso del Connecticut, per cucire l'ipotesi di disarmo dei civili, fa un discorso a vuoto. Il problema reale americano è che sono un miscuglio di etnie e culture di varia provenienza e senza una base culturale umanistica comune. Di conseguenza il caso di ragazzi del genere, cresciuti senza una base su cui poggiare il loro sentirsi esseri umani di una società, ne fanno semplice preda di devianze omicide del genere. Dovremmo, piuttosto, preoccuparci dell'Italia che è ormai in piena deriva culturale e senza più regole sociali di convivenza civile condivise. Stiamo finendo nello stesso calderone USA, è solo la nostra storia e il passato culturale che per ora ci salvaguardano ma è un argine destinato ad essere infranto, dal crescente miscuglio di razze e culture che le sinistre hanno fatto dell'Italia, facendoci invadere.

BlackMen

Gio, 11/07/2013 - 14:52

petra: e a me lo viene a dire? Io sono contrario anche a quella per i maggiorenni figurarsi

milo del monte

Gio, 11/07/2013 - 15:16

Tipico prodotto della politica di destra armericana

maxaureli

Gio, 11/07/2013 - 15:32

milo del monte il suo commento e' da schizzofrenico. LOL

titina

Gio, 11/07/2013 - 16:27

Se aveva la passione per il sangue, poteva svenarsi e l'avrebbe visto scorrere.. Ah, ma questi freddi assassini, quando si tratta di loro stessi, non hanno le "balle" per farlo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 11/07/2013 - 16:29

Un'unica luminosa certezza:negli U.S.A. non è previsto alcun trattamento di favore a carico del minore.

Ritratto di Geppa

Geppa

Gio, 11/07/2013 - 17:09

credo che gli americani si estingueranno a breve sparandosi l'un l'altro.

pimask.11

Gio, 11/07/2013 - 17:38

In certe nostre regioni c'e' chi sto lavoro lo fa di professione iniziando anche da più giovani e ci fanno pure i serial in tv...

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Gio, 11/07/2013 - 18:24

Se le vittime fossero state armate, magari sarebbero vive e questi svitati sarebbero all'altro mondo (facendo risparmiare allo Stato i soldi per il processo). Il popolo va armato per legge.

moshe

Gio, 11/07/2013 - 20:38

Per i delinquenti di questo genere (di tutto il mondo e di qualunque nazionalità siano), la PENA DI MORTE !!! Questa è democrazia !

moshe

Gio, 11/07/2013 - 21:07

milo del monte, non più tardi di questa sera, in un filmato reale proposto da un telegiornale, hanno fatto vedere ragazzotti meridionali estrarre le pistole e sparare contro un loro avversario che passava in moto. Chissà come mai quando parlano di omicidi negli states, mi viene sempre in mente il meridione d'Italia.

Bocca della Verità

Ven, 12/07/2013 - 08:32

@ Tora - Gio, 11/07/2013 - 11:52; Reinhard - Gio, 11/07/2013 - 18:24; moshe - Gio, 11/07/2013 - 20:38; moshe - Gio, 11/07/2013 - 21:07: GIUSTO !!!