Archeologia, l'Efebo di Mozia prima alle Olimpiadi di Londra e poi in America

Prosegue la collaborazione fra Regione e Paul Getty museum di Los Angeles che ha consentito la restituzione della Venere di Morgantina. L'assessore Missineo: porteremo in California i nostri tesori per una mostra intitolata «Sicilia tra Grecia e Roma».

L'Efebo di Mozia sarà uno dei testimonial della Sicilia negli Stati Uniti. L'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Sebastiano Missineo, e il dirigente generale del Dipartimento Gesualdo Campo, hanno incontrato oggi i responsabili del Paul Getty museum per programmare le attività inserite nell'accordo - quello che ha consentito il rientro in Italia della Venere di Morgantina - tra la Regione e l'importante istituzione culturale statunitense.
L'Efebo, conservato al museo Whitaker di Mozia, è una grande statua marmorea del 450-440 avanti Cristo rinvenuta nell'area archeologica fenicia nel 1979.
issineo ha sottolineato «la grande disponibilità dei responsabili del Getty» e ha aggiunto: «siamo contenti per il loro apprezzamento per la scelta di Aidone e per l'allestimento della sala espositiva della dea nel museo della piccola cittadina nella provincia di Enna. Negli Stati Uniti la statua veniva ammirata da circa 400 mila visitatori l'anno, numeri che in Sicilia contiamo di raggiungere in tre anni».
La collaborazione tra Regione e Getty, avrà un momento cruciale ad aprile del prossimo anno quando «porteremo a Los Angeles - ha continuato Missineo - una collezione di oggetti provenienti da Morgantina e da altri musei siciliani per la mostra dal titolo "Sicilia: tra Grecia e Roma". Uno dei pezzi più prestigiosi della mostra americana sarà l'Efebo di Mozia che, prima di volare negli Usa, sarà protagonista alle Olimpiadi di Londra tra maggio e agosto del 2012».
Da settembre dell'anno prossimo l'Efebo resterà al Getty per alcune operazioni di restauro previste nell'ambito della convenzione per il rientro della Venere, e poi sarà parte integrante della mostra che rimarrà al museo statunitense fino all'agosto del 2013. «I responsabili del Getty - ha spiegato Missineo - ci hanno chiesto anche di prorogare l'esposizione "Sicilia: tra Grecia e Roma" con un'altra tappa a Cleveland, tra il settembre del 2013 e il gennaio del 2014».
Nel frattempo arriverà in Sicilia nel 2013 una grande mostra con pezzi dati in prestito dal Paul Getty.