Un arcivescovo per benedire la Carige

L’arcivescovo di Genova, monsignor Angelo Bagnasco, nel consiglio di amministrazione della Fondazione Carige: lo «candida» il presidente della Regione, Claudio Burlando, alla vigilia della nomina dei nuovi rappresentanti di enti, istituzioni e società civile nel massimo organo di governo dell’istituto. Una decisione, quella di Burlando, che, facendo arretrare la pura convenienza politica a favore dell’etica, alza il livello decisionale nell’interesse «trasversale» della collettività. La scelta, spiega lo stesso Burlando, corrisponde a una valutazione sul ruolo della Fondazione, principale azionista di Banca Carige, come «erogatore di significative risorse a sostegno dell’attività di tutela sociale». In questo ambito, e anche alla luce delle accuse rivolte di recente alla banca, «occorre garantire - sottolinea Burlando - il massimo di autonomia e di trasparenza» nell’individuare gli amministratori. Per questo, sempre secondo il presidente della giunta regionale, è assolutamente importante dar vita a un consiglio di alto profilo, (...)