Ardesia e Garibaldi tra i «tesori» del borgo

Il paese di Cicagna si trova al centro della Fontanabuona, valle che al di là dell’Appennino da Genova raggiunge Lavagna, correndo parallela con la costa; le sue origini sembrano partire dall’epoca pre-romana per acquistare nei secoli sempre più importanza tanto da divenire il capoluogo economico della valle con le sue attività di tessitura e di panetteria. Da visitare è il centro storico con i suoi «carruggi» che partono da Piazza Garibaldi e fanno da cornice ai sontuosi palazzi, esempi della ricchezza economica della borghesia cicagnese nella storia. Sempre nel centro storico, si erge la Torre Campanaria, ultima traccia rimasta dell’origine romanica di Cicagna. Due musei stimolano invece l’interesse culturale per questo paese: il Museo storico archeologico e il Museo dell’ardesia in cui sono documentate le varie fasi della «pietra nera» dall’estrazione dalle cave della Val Fontanabuona alla sua lavorazione.
Cicagna, oltre che per la cicogna, è famosa per l’ardesia e per Garibaldi. Garibaldi era stato eletto per la prima volta deputato al parlamento piemontese nel 1848 all’età di 41 anni nel collegio di Cicagna (Genova).