Arena, la grande atletica fa le ore piccole

A due anni di distanza dall’ultima edizione, torna domani sera all’Arena Civica la «Notturna di Milano», organizzata grazie anche al rifacimento della pista di atletica leggera, dall’Italgest Athletic Club, con la collaborazione degli assessorati allo Sport della Regione Lombardia e della Provincia di Milano. Atleti provenienti dai cinque continenti si confronteranno in tutte le discipline dell’atletica, dal salto in alto, alla corsa, al salto con l’asta, dando luogo a uno spettacolo di alto livello tecnico. I partecipanti, infatti, sono già detentori di numerosi titoli a livello internazionale e olimpico, ma sarà dato rilievo anche a diversi campioni italiani e in particolar modo ai giovani. «C’è bisogno di valorizzare di più chi fa sport e lo fa con impegno - ha spiegato Filippo Grassia, presidente regionale del Coni - e far comprendere ai ragazzi il fascino dell’atletica sia vista che praticata». L’assessore allo Sport e Tempo libero del Comune di Milano Giovanni Terzi, invece, ha voluto porre l’accento sull’importanza di coinvolgere il pubblico nelle manifestazioni sportive: «Solo così - ha spiegato - sarà possibile rendere Milano competitiva a livello internazionale». Tra i nomi eccellenti che parteciperanno alle competizioni è ancora in dubbio quello di Haile Gebrselassie, mezzofondista etiope detentore del record mondiale della maratona, ma è da segnalare anche la presenza della campionessa olimpica di salto triplo Tayana Lebedeva che se la vedrà con la sudanese Aldama e la nostra Magdaline Martinez. Nei 1500 maschili l’etiope Deresse Tsigu tenterà la miglior prestazione mondiale stagionale, mentre nell’asta femminile si assisterà al duello tra le russe Feofanova e Golubchikova. Per quanto riguarda la compagine azzurra saranno presenti molti dei prossimi olimpionici a Pechino. Tra questi Antonietta di Martino, seconda ai mondiali di Osaka nel salto in alto, Ivano Brugnetti campione olimpico in carica nella marcia e Micol Cattaneo che tenterà il primato italiano nei 100 ostacoli, sfiorato la scorsa settimana in Coppa Europa. Grande attesa, infine, per la gara di Oscar Pistorius, l’atleta sudafricano che corre con protesi di carbonio e che dopo lunghi sofferti ricorsi ai tribunali sportivi, ha ottenuto la possibilità di partecipare ai prossimi Giochi Olimpici di Pechino. Pistorius gareggerà all’Arena con i normodotati cercando di ottenere l’ambìto, ma non facile per lui, minimo per l’ammissione alle Olimpiadi nei 400 metri. «Sarà una bellissima occasione - ha detto Irma Dioli, assessore allo Sport e Politiche giovanili della Provincia di Milano - per rilanciare l’immagine della città anche in vista dell’Expo del 2015 dando il giusto rilievo a uno sport che non sempre gode della spazio che merita».