Arena senza i record? Tutta colpa della pista

Claudio De Carli

Gran prix all’Arena, la regina Marion Jones copre i 100 metri in 11”67, un secondo oltre il record del mondo: è malinconica e ormai pachidermica? Affatto, è tutta colpa della pista sintetica dell’impianto napoleonico, vecchia e usurata. Non ha sforato solo lei, tutti i risultati sono stati deludenti: «Usurata al punto che si è costretti a imprimere più forza nella spinta - hanno denunciato gli atleti -, appesantendo l’azione». Ieri sul tavolo del sindaco è arrivata una interrogazione firmata da tre consiglieri: quali interventi sono previsti per rendere l’Arena idonea visto che vogliamo candidarci per le Olimpiadi? In Comune non si è scosso nessuno. «La pista ha dieci anni e ospita tanti eventi, hanno fatto sapere, la società Mondo ci ha già fornito un preventivo di 600mila euro per rifare lo strato superiore. Quest’anno mettiamo a bilancio la spesa e l’anno prossimo eseguiamo i lavori». Magari Milano non riuscirà a candidarsi per i Giochi del 2016, ma nessuno può dubitare che a Palazzo Marino regni una calma olimpica.