Arenzano litiga anche sui capigruppo

(...) l’assessore regionale alla Pianificazione territoriale Carlo Ruggeri quando Matteo Rosso ha mostrato in aula le foto dello sbancamento in atto nella spiaggia di località Pizzo, ad Arenzano. «Avevo chiesto rassicurazioni e me le avevano date - ha detto l’assessore facendo capire che il Comune gli aveva risposto che era tutto in regola - Ma vedendo queste foto dovrò fare accertamenti urgenti più approfonditi». Rosso ha infatti presentato anche un esposto all’Arpal nel quale ipotizza l’esecuzione di lavori abusivi lungo la costa e lo scarico del materiale in mare. Le gru che divorano la costa a picco sulla spiaggetta sono d’altra parte difficili da nascondere e ora sarà la Regione a chiedere conto dell’operazione direttamente alla giunta, politicamente sua amica, di Arenzano.
Nel Comune del ponente genovese guidato dal sindaco diessino Luigi Gambino, intanto c’è anche da registrare qualche scossa di assestamento nell’opposizione. Il candidato sindaco Giuseppe Mina, che aveva sfidato il centrosinistra, è stato infatti «sollevato» dall’incarico di capogruppo dagli stessi partiti che lo avevano appoggiato in campagna elettorale. Lui potrebbe provare a restare capogruppo di se stesso, come unico rappresentante di quel movimento costituito in vista delle elezioni con il simbolo «La Casa delle Libertà per Arenzano». Una soluzione che ha spaccato non solo l’opposizione di centrodestra (che vorrebbe lasciare a Mina unicamente un ruolo da semplice consigliere sostituendolo con Ponzano), ma anche la maggioranza visto che il sindaco Gambino sostiene l’idea di creare il minigruppo per Mina, mentre il suo stesso vicesindaco Vernazza si dice contrario.