Arezzo per tre giorni diventa la capitale del green

Arezzo.Chiamiamola la vanity fair del golf, ambiziosa, rampante, con un credo finalizzato al successo: «vai col trend, vai col vip». La conferma viene dall'ospite più illustre fra quelli annunciati, e dall'accoglienza prevista, degna ovviamente di un reale al pari del principe ereditario. Vittorio Emanuele arriverà dalla Svizzera all'aeroporto di Firenze, troverà ad attenderlo un elicottero che lo depositerà sul piazzale del Centro Affari e Convegni di Arezzo dove da venerdì a domenica va in scena Golf Town che i giovani ed agguerriti organizzatori presentano con l'etichetta «Il salone italiano del Golf con oltre 100 tra le maggiori aziende operanti nel settore». La grande attrattiva riguarda la presentazione di una serie di ferri in oro e acciaio e grip di pelle di coccodrillo (il solo putt, con lo shaft laminato in oro costa 16 mila euro...) realizzati per uno sceicco arabo.
encampana@inwind.it