Argentina: el fracaso nacional

Fallimento, disastro, flop, un paese intero è in ginocchio. Un'eliminazione che pareggia, nel dramma calcistico, la sconfitta a Rio de Janeiro del Brasile nel '50 nella finale mondiale sempre contro l'Uruguay.

«Fallimento? Io non la penso così. Abbiamo fatto il possibile per vincere ma non ci siamo riusciti. La parola fallimento è molto forte, noi abbiamo lavorato per arrivare a vincere la Coppa. Non ce l'abbiamo fatta». Il ct argentino Batista l'ha vista così. L'unico. Nel resto dell'Argentina il dito è puntato su un solo colpevole, lui.
Ma è fallimento, disastro, flop, un paese intero è in ginocchio. Un'eliminazione che pareggia, nel dramma calcistico, la sconfitta a Rio de Janeiro del Brasile nel '50 nella finale mondiale sempre contro l'Uruguay. Ora anche l'Argentina ha il suo Maracanazo. Su Ole si legge: «Un fallimento totale. L'eliminazione è il coronamento di un torneo giocato con tanta ansia e poca qualità. Solo una vittoria, il 3-0 contro il Costarica Under 22, e 3 pareggi».