Aria di rinvio sull’annuncio di Schumi E la Ferrari si prepara alle critiche

Il tedesco: «Il mio ultimo Gp di Monza? Vedremo» La voce: 3 piloti per il 2007 in attesa che Michael decida

Benny Casadei Lucchi

Strano destino quella della nazionale rossa dei motori. Mancano pochi giorni al Gp di Monza, alla corsa più importante dell’anno, alla gara verità che dovrà dirci se la Ferrari saprà riagguantare la Renault di Briatore (che ieri ha smentito di lasciare la F1, oggi vedrà i vertici della Regié ed entro Monza svelerà i piani 2007), eppure, più che di corse si parla di comunicati e ferali annunci sul Cavallino che sarà. E il problema vero è che se ne parla con la consapevolezza dilagante che, comunque vada, per la Rossa sarà un insuccesso. Perché è questa l’aria che si respira alla vigilia della corsa nel Parco: da mesi, la Ferrari, il presidente Montezemolo, lo stesso Schumi hanno fissato nel parco il vernissage dei piloti 2007; ora, però, tutti vorrebbero pensare ad altro: Schumi al rush finale, il presidente alla riscossa rossa. Sul tema, nel paddock monzese dove la Ferrari è impegnata nei test, nessuno dice «bah», però la sensazione palpabile è che ci sia una gran voglia di rinviare tutto. «Nulla al momento è cambiato, l’appuntamento è fissato per il Gp» ripetono i ferraristi, ma quel «al momento» suona come un’uscita di sicurezza da usare all’ultimo istante.
In effetti, basta mettersi nei panni degli uomini rampanti per capire che, comunque vada, sarà un insuccesso. Prima ipotesi: se il team annuncia che Michael si ritira, pioveranno critiche per il carico di tensione posto sulle sue spalle mentre è impegnato a Monza e nella corsa iridata; seconda ipotesi: se si comunica che prosegue o rinvia l’annuncio, pioveranno critiche perché la Rossa è ostaggio del tedesco; terza ipotesi: se si annuncia la coppia Raikkonen-Schumi, pioveranno critiche perché il povero Massa viene accantonato; quarta ipotesi: se la coppia sarà Raikkonen-Massa, diavolo, l’addio di Schumi potrebbe anticipare quello di altri uomini chiave come Brawn. E ancora pioggia di critiche.
La voglia di rinvio emerge anche dal fumoso rispondere di Schumi «questa sarà la mia ultima Monza? Vedremo». Sarà un caso, ma forse anche per questo caos, si vocifera di un possibile escamotage: l’annuncio di tre piloti. Sarebbero Schumi, Raikkonen e Massa. Tenendo come punto fermo il finlandese, si permetterebbe così a Michael di decidere con calma. E, all’ultimo, il bravo Felipe potrebbe diventare l’agnello sacrificale. E giù un’altra pioggia di critiche. Comunque vada, un insuccesso.