Aria di urne È già corsa ai cartelloni elettorali

Si vota-non si vota. La cartina di tornasole ha dimensioni «6 per 3». Fra chi le scongiura e chi le invoca, le elezioni sembrano sempre più vicine: lo confermano le concessionarie di pubblicità leader nel settore dell’outdoor, rivelando che la corsa alle affissioni per la campagna elettorale è già iniziata. Quasi tutti i partiti si sono mossi per opzionare gli spazi in «esterna»: gli aspiranti premier ci guarderanno dritti negli occhi a partire da gennaio. Una partita da 20 milioni, con prezzi fra i 400 e i 2mila euro a «pezzo». In pole position nelle trattative per le postazioni migliori, secondo Clear Channel, è l’Udc, ma concrete «manifestazioni di interesse» sono arrivate anche da Pd e Pdl, e «primi movimenti» si registrano da Fli. Igpdecaux, forte sui trasporti pubblici, rivela che si sono fatti già avanti Udc, Pd e un partito della sinistra non ben identificato, che due giorni fa, però, avrebbe ridimensionato la sua richiesta.