Ariston addio? Fazio presenterà il Festival ma non si sa dove

Fabio Fazio, come ha confermato ieri il direttore di Rai Uno Mauro Mazza, condurrà la prossima edizione del Festival di Sanremo. Tuavvia non si sa dove. «Merito» dell’Imu, la tassa meno amata dagli italiani. «L’anno prossimo il Festival di Sanremo lo facciamo al Mercato dei Fiori di Valle Armea» ha detto il sindaco di Sanremo Maurizio Zoccarato (Pdl), a margine della cerimonia di consegna della Bandiera Blu a 13 stabilimenti balneari dell’Imperatrice. Non sarebbe una novità assoluta. Già nel 1990, al Mercato dei Fiori, si tenne la 40 edizione del Festival, targata Adriano Aragozzini. L’annuncio è stato dettato dalla polemica nata tra il sindaco e il patron del teatro, Walter Vacchino, sull’applicazione dell’Imu che il Comune ha messo al 10.6 per mille, il massimo per le attività produttive. Troppo secondo Vacchino.
A questo punto il sindaco si è scatenato: «Ieri, in una conferenza stampa, un imprenditore importante di Sanremo si è permesso di dire che gli passa l’Imu da 36 mila a 167 mila euro l’anno, quando questa stessa persona, ha preso 1 milione e 800 mila euro l’anno, per 20 anni, pagati dal Comune di Sanremo. Se ne dovrà fare una ragione, perché io ai ricatti non ci sto, e il Festival noi lo trasferiamo, un altro anno, in Valle Armea, così lo facciamo anche gratis, con più sponsor e entro 5 anni noi ci facciamo un Palafestival e non ci facciamo menare niente da nessuno, soprattutto da chi pensa di vivere alle spalle del Comune di Sanremo». È più che possibile che la situazione si ricomponga. In questi anni molti sforzi sono stati fatti per tirare a lucido le vie limitrofe all’Ariston. Comunque vada, forza Fabio, che il lavoro quest’anno non si preannuncia facile. Colpa dell’Imu. RS