Arlecchino diverte alla Scala (e non fa pagare il biglietto)

Si alza il sipario sulle celebrazioni per il decennale della scomparsa di Giorgio Strehler. A dare il via al calendario di eventi dedicato al grande regista scomparso nel 1997 sarà il 25 settembre al Teatro alla Scala l’Arlecchino servitore di due padroni messo in scena da Ferruccio Soleri. Lo spettacolo, prodotto dal Piccolo Teatro, è a ingresso gratuito. E verrà ricordato come una delle rarissime rappresentazioni in prosa approdate alla Scala.
«Anche nel caso di Arlecchino, allestito da Strehler per la prima volta nell’estete del 1947, esiste un forte legame tra prosa e teatro musicale, ma si gioca non tanto sul testo, quanto sul lavoro artistico del regista» spiega Sergio Escobar, direttore del Piccolo Teatro.
«Quando Escobar - ricorda invece Stéphane Lissner, Sovrintendente del Teatro alla Scala - mi ha proposto di ospitare Arlecchino servitore di due padroni alla Scala, per celebrare i sessanta anni del Piccolo e i dieci dalla morte del Maestro, non ho avuto un attimo di esitazione. Per me, Strehler e lo spettacolo simbolo del “suo” Piccolo, sono parte della mia vita, della mia idea di teatro, dei miei affetti».
I biglietti per l’assegnazione del posto numerato possono essere ritirati da lunedì 17 settembre (non più di due a persona) presso la biglietteria del Teatro alla Scala, dalle ore 10 alle ore 16 e presso la biglietteria del Piccolo Teatro Strehler, da lunedì a sabato, dalle ore 10 alle ore 18.45 e domenica dalle ore 13 alle ore 18.30 con orario continuato.
Dopo l’Arlecchino alla Scala l’omaggio a Strehler continuerà con una nuova versione della Storia della bambola abbandonata con Andrea Jonasson, che coinvolgerà anche alcuni bambini della scuola primaria di Milano, Roma e Prato (in scena al Piccolo Teatro Studio dal 14 ottobre al 4 novembre 2007). A dicembre il riallestimento del Così fan tutte (Piccolo Teatro dal 13 al 22 dicembre) concluderà la collaborazione tra i due teatri in nome di Strehler.
Arlecchino servitore di due padroni
Teatro alla Scala
25 settembre ore 20
ingresso libero