Arma di Taggia ha il mare più bello e meno salato

Un settimanale ha stilato la lista delle località balnerari liguri meno costose: al secondo posto c’è Riomaggiore

Medaglia d'oro ad Arma di Taggia prima nella graduatoria delle località balneari meno care d'Italia. Medaglia d'argento per Riomaggiore sintesi perfetta di ambiente e mare, convenienza, sicurezza e accoglienza e 41 gli «attestati di partecipazione» assegnati ad altre stelle marine liguri. Nel campionato delle 277 migliori località balneari italiane, la Liguria si posiziona così tra le prime regioni in Italia.
È quanto emerge dal «Vacanzometro 2006» realizzato recentemente dal settimanale «Gente» in collaborazione con «Gente Viaggi», che ogni anno diventa strumento di orientamento, sia per chi deve scegliere la località, sia per quegli amministratori che, sensibili alle critiche e alle osservazioni, vogliono migliorare la loro offerta. Oggetto d'esame sono state soltanto le località premiate con la Bandiera Blu o almeno una Vela di Legambiente; a ognuna poi è stato assegnato un punteggio totale, sommando la sua posizione in 4 categorie: accoglienza, ambiente, prezzi e sicurezza.
E mai come quest'anno il successo di Arma di Taggia e di Riomaggiore - ma anche di Camporosso, Portovenere, Noli, Moneglia, Bordighera, Lerici, Lavagna, Sestri Levante, Santa Margherita Ligure e Laigueglia, che si posizionano tra le prime cento migliori località balneari -, si identifica con il turista più esigente, che vuole il mare pulito, ma senza rinunciare alla cultura locale e soprattutto senza spendere un patrimonio. Tra le 277 perle marine ci sono anche Levanto, Celle Ligure, Marinella di Sarzana, Framura, Pietra Ligure, Sori, Ospedaletti, Ceriale, Ameglia, Portofino, Savona-Fornaci, Riva Ligure, Albisola Marina, Rapallo, Santo Stefano al Mare, Andora e Spotorno. A fine classifica infine, tra l'imbarazzo della scelta sono indicati i comuni di Varazze, Deiva Marina, Albisola Superiore, Camogli, Diano Marina, Loano, Cervo, Alassio, Borgio Verezzi, Finale Ligure, Bergeggi, Sanremo e Chiavari.
Fiore all'occhiello nella graduatoria parziale delle capitali dell'estate è sicuramente Arma di Taggia che risulta la più conveniente in quanto a prezzi nella speciale classifica del risparmio. Tale primato che corona un impegno amministrativo che si protrae già da diversi anni, è l'effetto di una triplice offerta turistica, che consente di stare sul mercato a prezzi ragionevoli, proprio in rapporto alla qualità dell'offerta.
Sicuramente il principale prodotto in vendita è quello balneare, visto che il comune ha una spiaggia sabbiosa (cosa assai rara in Liguria) lunga un chilometro e mezzo, ma anche un turismo religioso diretto verso la Madonna di Taggia, che compì il suo miracolo due anni prima quello di Lourdes. A richiamare l'attenzione del villeggiante c'è poi il caratteristico centro storico secondo, per estensione e importanza, soltanto a quello di Genova. Il mare di Taggia è pulito a tal punto che sia Bandiera Blu sia Legambiente lo hanno premiato con i loro riconoscimenti.
In cima al «Vacanzometro» che elabora e somma le quattro classifiche parziali c'è Riomaggiore, che conquista un meritato secondo posto. Punto d'eccellenza di questa perla delle Cinque Terre è indubbiamente il turismo che non è d'élite, non ha costi proibitivi, ma viene selezionato da chi sceglie un'offerta turistica che comprende anche le escursioni nei sentieri, la scoperta della gastronomia e della cultura. Insomma niente mordi e fuggi, niente bagno al volo e poi via. Eppure, in piena estate, ogni giorno i traghetti sbarcano circa duemila turisti che poi, fatto il giro delle cinque Terre, se ne vanno lasciando un sacco di problemi. Ma sicuramente il vanto di essere uno dei borghi più belli d'Italia resta.