Armani sbanda, la Fortitudo si ferma

Colpa del vento, delle lune storte: Milano cade clamorosamente in casa contro Avellino, penultima in classifica, subendo oltre 100 punti, con Bulleri completamente fuori fase; la Fortitudo si fa raggiungere in testa alla classifica dalla Siena tormentata e da Treviso che la batte al Palaverde inchiodandola con un 17-0 in 7 minuti, nel terzo quarto.
L’Armani che parlava di scudetto si è fatta mangiare a rimbalzo, bucare da Bobbit, da 6 uomini in doppia cifra fra cui il Bonora che non dimentica mai chi è stato e cosa può dare in certe partite.
La giornata era iniziata a Casalecchio con Roma annichilita dall’impeto della Virtus Vidi Vici che ha frantumato una difesa fragile con il tiro da 3, ha dominato e passato i 100 punti mentre Pesic, che non ha utilizzato Ilievski, faceva i conti con una squadra costretta a straordinari che l’hanno prosciugata oltre a farla uscire dall’Europa. La Virtus raggiunge proprio Roma a 30 punti, mentre Napoli, vittoriosa nel finale su Livorno, resta nella scia delle prime tre che ieri si sono riunite pur con stati d’animo diversi. La Benetton, calpestata a Zagabria, ha ritrovato il caldo di casa, non ha difeso tantissimo, ma nel corri e tira, dopo il 55-55 di metà gara, ha spezzato una Climamio dagli sbalzi d’umore esagerati e non basta a spiegare tutto il Mancinelli rimasto a sedere, né si possono comprendere certe crisi mentali di una squadra che ha il difetto della gioventù, ma non soltanto quello nei momenti che contano. Bagaric il più attivo, con il Belinelli che ha bloccato il 17-0, ma grande serata anche per Bargnani.
La terza del gruppo di testa, il Montepaschi Siena, ha davvero sofferto tanto per liberarsi dalle catene contro Varese che è carta velina in trasferta, ma se giochi in un clima di contestazione allora è difficile. La gioventù di Boisa, il Kaukenas che va e non va, per mascherare lo 0 di Hamilton in 10 minuti. Lui come Woodward (5 in 23’) e Stonerook (7 in 26’) era sotto mira. Dopo Udine confronto duro con i tifosi e ieri le cose non si sono certo aggiustate con una vittoria. Diciamo che per Montepaschi ed Armani la verità sarà nel prossimo turno al Forum. Si guarderanno in faccia senza chiedersi se riusciranno davvero ad essere mai felici.