Armstrong visita la carovana rimasta senza stelle

Forse ci sarebbe bisogno di uno come lui per dare una svolta a questa corsa che scalda poco i cuori. Ieri Lance Armstrong si è materializzato sulle strade del Tour. Come spettatore. Il texano, trionfatore a Parigi per ben 7 volte di fila, l’ultima lo scorso anno, ha assistito alla scalata dell’Alpe d’Huez. E a chi chiedeva conto delle polemiche del passato, sul suo presunto uso di doping, ha così risposto: «In tutta onestà non avevo intenzione di venire. Sono qui solamente per quello che è accaduto nelle ultime settimane. Penso sia il momento per i cultori del ciclismo di farsi sentire e affermare la loro passione. È ciò che voglio fare anch’io, non solo per la mia ex squadra, la Discovery Channel o per la corsa in sé, ma più in generale per questo sport, che per me è ancora il più bello del mondo».