Arredo e design made in Italy, tour in cinque distretti dei big del real estate cinesi

Delegazione in visità a show room e aziende per scoprire e gli stabilimenti fra saper fare, maestranze, tecniche, tradizioni, innovazioni e creatività. Obbiettivo di Federlegno Arredo Eventi: sviluppare il business nel settore residenziale di alta fascia in Cina

Gran tour alla scoperta dell’arredo e del design italiano da parte di una delegazione di importanti aziende cinesi operanti in prevalenza nel settore real estate che fino al 29 settembre visiterà cinque distretti produttivi del made in Italy. Nomi già conosciuti come come Suning che, oltre al calcio, del nostro Paese apprezza anche l’arredo e il design alcuni dei più grandi developer a livello mondiale come Greentown Property Group e Hainan Jianfeng Group. La delegazione sarà guidato da Federlegno Arredo Eventi che ha organizzato l’iniziativa in collaborazione con Ice.

Obbiettivo: far conoscere le realtà produttive italiane e di favorire lo sviluppo dei rapporti commerciali. Sia per le aziende italiane che operano in Cina da diversi anni, sia per quelle che da poco hanno puntato gli occhi su questo mercato, il tour è un’occasione per accedere al settore residenziale di alta fascia in Cina. Giocare in casa è un grosso vantaggio: visitando gli showroom e gli stabilimenti produttivi gli operatori cinesi non solo possono toccare con mano prodotti finiti, materiali, rifiniture, ma soprattutto possono vedere vedere in azione il complesso insieme di maestranze, tecniche, tradizioni, innovazioni e creatività sul quale si fonda il successo del made in Italy. E' un modo concreto per ridurre le distanze, culturali e geografiche, che spesso separano i buyers cinesi dai prodotti italiani.

Il tour partirà da Milano e Brianza con la visita allo showroom di Visionnaire e alla fabbrica-museo di Molteni&C. Proseguirà poi in Veneto dove, oltre a due aziende del mondo dell’arredo, Atmosphera e Caccaro, il gruppo visiterà Secco Sistemi, azienda produttrice di sistemi integrati per serramenti e facciate, e Citco, azienda del veronese produttrice di superfici in marmo. La terza tappa toccherà altri due importanti distretti produttivi, quello dell’Emilia Romagna con Sicis, e quello di Pesaro-Urbino con Scavolini. L’ultima tappa del tour è la Toscana dove la delegazione visiterà quattro aziende: Formitalia, Tosconova, Maggi Massimo e Savio Firmino.

Iniziativa, questa, che precede un altro appuntamento di grande importanza: la seconda edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai che dal 23 al 25 novembre allo Shanghai Exhibition Center il meglio della produzione del made in Italy con oltre 100 marchi in un’area espositiva notevolmente più grande dove tornano anche il SaloneSatellite dedicato ai giovani designer emergenti e le Master Classes, momento d’incontro e di confronto tra le due culture in cui famosi architetti italiani e internazionali condivideranno con il pubblico i loro pensieri e le loro visioni sui temi più attuali relativi allo sviluppo del settore in Cina e nel mondo.