Arrestati i «Bonnie & Clyde» di Fidene

I rapinatori acciuffati grazie a un carabiniere e a due passanti

L’intervento di un carabiniere libero dal servizio e quello di due passanti ha consentito di mettere fine alla carriera criminale della coppia di rapinatori soprannominata Bonnie & Clyde. L’uomo e la donna, pregiudicati di 53 e 42 anni, hanno tentato di svuotare, intorno alle 20 di lunedì scorso, la cassa di una lavanderia in via Villa di Lucina 44, a San Paolo. Stavano fuggendo con un bottino di 350 euro quando la Fiat Uno rubata a bordo della quale viaggiavano è stata bloccata dall’auto di un carabiniere fuori servizio, allarmato dalle urla della negoziante. Il militare si è diretto verso l’uomo alla guida, che impugnava un revolver, e lo ha disarmato. Provvidenziale è stato anche l’intervento di un negoziante e quello di un automobilista che, sceso dalla sua auto sulla quale si trovava con la moglie, ha aiutato il carabiniere a immobilizzare il rapinatore. Attimi di paura quando la complice, anche lei armata, è salita sulla Panda di quest’ultimo minacciando la donna. Ma l’arrivo dei carabinieri ha messo fine alla colluttazione. I due sarebbero responsabili di almeno quattro delle rapine degli ultimi mesi. Individuato anche il covo dei rapinatori, a Fidene.