Arrestati i fabbricanti di carte di credito

Traditi dalla fretta e dal grande esodo. Traditi anche dalla volontà di esagerare. Due clonatori di carte di credito sono stati arrestati dagli uomini della sezione di polizia giudiziaria del compartimento Liguria della Stradale. Martedì stavano letteramente correndo in autostrada verso l’imbarco dei traghetti diretti in Nord Africa. E la velocità della loro auto a noleggio ha insospettito ancor più gli 007 della polizia stradale che li hanno fermati. Dal controllo dei documenti sono saltate fuori ben 4 carte di credito, di cui una non intestata a uno dei due uomini. Di fronte a risposte troppo evasive sull’origine di quella carta di credito e su una presunta smisurata ricchezza, era inevitabile fare un salto in caserma, dove i fermati sono stati perquisiti. Di carte di credito ne avevano addirittura 39, oltre a 7 carte di identità con i nomi dei titolari delle carte di credito e le loro foto. Un ulteriore controlo a Roma, nell’abitazione di uno dei due, ha portato alla scoperta di altre 20 carte di credito e 4 codici fiscali falsi, oltre ai macchinari per fabbricare le carte di credito, con tanto di apparecchi elettronici in grado di copiare i codici segreti delle carte vere. I due falsari sono stati arrestati.