Arrestati presunti sprangatori

Due marocchini sono stati fermati per tentata rapina e lesioni gravissime con l’accusa di essere gli autori dell'aggressione con spranga, avvenuta alcuni giorni fa in via Gramsci, a Genova, in seguito alla quale la vittima ha riportato una grave lesione ad un occhio. I due arrestati, con l'accusa di rapina aggravata e lesioni gravissime, sono Abdelghafour Azdi, 20 anni, clandestino, con precedenti per spaccio di droga, furto, ricettazione e rapina, sottoposto agli obblighi di presentazione giornaliera, e El Bachir Noqri, 21 anni, residente a Genova, munito di permesso di soggiorno, con precedenti per spaccio di droga. Un terzo presunto aggressore è stato fermato la sera della violenta rapina. È un 17enne clandestino con precedenti per furto aggravato e spaccio di droga. Era stato bloccato dagli uomini di una volante nei vicoli poco dopo l'aggressione di Luciano Zenobio, il rigattiere affrontato da tre rapinatori mentre saliva sul suo furgone e colpito violentemente con una spranga al volto. La vittima, ha riferito ieri la polizia, è ancora ricoverata in ospedale in attesa di un intervento chirurgico all'occhio, che non può ancora essere eseguito perchè il volto è tumefatto dai colpi. L'uomo rischia di perdere la vista dall' occhio ferito. È stato comunque lo stesso Zenobio a riconoscere i tre aggressori.