Arrestato un capotreno-spacciatore: cocaina sui treni della Genova-Roma

Ferroviere e spacciatore. Approfittava del suo impiego come capotreno sulla linea Roma-Genova di Trenitalia per trasportare la cocaina dal capoluogo ligure alla Capitale. «Neve» purissima che arrivava al porto genovese sulle rotte del narcotraffico internazionale e che l’uomo, G. G., 39 anni di Monteporzio Catone, in servizio presso il compartimento di Roma, aveva cura di portare a destinazione per la consegna ai «pusher» delle zone dei Castelli Romani, di Tivoli e del litorale. Da tempo gli uomini della Guardia di finanza seguivano i suoi movimenti e, stando a indiscrezioni, qualche giorno fa sarebbe riuscito a eludere persino un controllo alla dogana del porto, complice il fatto che indossasse la divisa. L’altra notte, però, sono scattate le manette: G. G. è caduto nella trappola dei berretti verdi di Frascati. È accusato di avere trasportato 600 grammi di cocaina. Sempre nel corso di controlli anti-droga, inoltre, i carabinieri del colonnello Marco Minicucci, di Frascati, hanno messo le manette ai polsi a due spacciatori italiani «pizzicati» dopo una serie di pedinamenti e appostamenti, l’altra sera, mentre cercavano di «piazzare» ai tossicodipendenti di via Casilina dosi di eroina per complessivi 500 grammi.