Arrestato direttore giornale giordano

Jihad Momani, il direttore del settimanale giordano Shihane, che per tentare di sdrammatizzare alcuni giorni fa aveva pubblicato tre delle 12 caricature satiriche su Maometto, ha pagato cara la sua iniziativa: è stato arrestato. Il suo esempio però comincia a essere seguito da altri quotidiani del Medio Oriente, che oltre a criticare gli «eccessi della libertà di stampa» iniziano a condannare anche le violenze che stanno infiammando molti Paesi arabi o islamici. E in Marocco un giornale, an Nahar al Maghrebia, ha pubblicato in una pagina interna e in piccolo la vignetta di Maometto con la bomba nel turbante, ma le autorità giudiziarie hanno subito aperto un provvedimento a carico del direttore. Una vicenda molto simile a quella di Jihad Momani che assieme alle caricature aveva pubblicato un editoriale in cui richiamava gli arabi alla ragione e si chiedeva se a danneggiare di più l’islam fossero le caricature apparse sui giornali o le immagini di ostaggi sgozzati davanti alle telecamere. Dopo essere stato licenziato in tronco, sconfessato dalla propria redazione e radiato dall’ordine dei giornalisti, ieri è addirittura finito dietro le sbarre. E c’è poco da ridere...