Arrestato per l’agguato in cui morì un 15enne

È stato arrestato il quarto presunto componente del commando che, il 12 luglio 2001, uccise Michele Fazio, il barista 15enne ammazzato per errore a Bari Vecchia nel corso di una guerra tra i clan Capriati e Strisciuglio. Michele Portoghese, all’epoca sedicenne, è stato colpito da ordinanza di custodia per concorso in omicidio, aggravato dall'appartenenza all'associazione mafiosa dei Capriati. Il giovane guidava uno dei due scooter utilizzati nell’agguato. Secondo gli inquirenti conosceva la vittima. Per l’omicidio di Michele Fazio lo scorso 20 maggio sono stati arrestati Francesco Annoscia (23 anni) e Raffaele Capriati (22). A sparare sarebbe stato Leonardo Ungredda (22), ucciso due anni dopo sul lungomare di Bari. Questi era sul sedile posteriore del motorino guidato proprio da Michele Portoghese.