Arrestato Matacena: l'ex deputato Pdl era latitante a Dubai

Condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, era ricercato dal giugno scorso

L’ex deputato Amedeo Matacena è stato arrestato a Dubai. L’ex parlamentare di Forza Italia era latitante dallo scorso mese di giugno, quando era diventata definitiva una sentenza di condanna a 5 anni e 4 mesi per concorso esterno in associazione mafiosa.

L'uomo era stato condannato a cinque anni di reclusione dalla Corte d’Assise d’Appello di Reggio Calabria per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Matacena era stato assolto con la precedente sentenza di due anni prima, ma la Corte di Cassazione aveva annullato il processo con rinvio ad altro collegio. L’ex parlamentare era stato coinvolto nell’inchiesta denominata "Olimpia", condotta dalla Dia negli anni ’90, con l’accusa di essere un punto di riferimento della cosca Rosmini di Reggio Calabria. L’avvocato generale Franco Scuderi, che aveva chiesto sei anni di condanna, aveva sostenuto in aula che, nonostante non siano stati prodotti significativi vantaggi materiali per la cosca, dal riconoscimento del patto sarebbe comunque derivato un rafforzamento del prestigio della consorteria di ’ndrangheta.

Commenti

BlackMen

Gio, 29/08/2013 - 12:25

...il caro vecchio "concorso esterno"...se non erro per voi è un reato che non esiste giusto?

teoalfieri

Gio, 29/08/2013 - 12:37

paghiamo tasse..fintanto che ci saranno questi cancri nei partiti... non cambierà mai nulla.... povera Italia...

myollnir

Gio, 29/08/2013 - 12:52

BlackMen, non so cosa intenda con "voi": io parlo solo per me. E effettivamente, no: il concorso esterno non esiste, in nessun Paese civile. O sei associato, o non lo sei (e già ci sarebbe da discutere sui reati associativi, ma lasciamo stare). Esiste il favoreggiamento, purtroppo per le Procure tocca provarlo con fatti specifici. Uno dei non pochi demeriti dei governi Berlusconi è di non aver saputo por fine a questi scempi giuridici, per perdersi semmai nelle leggine ad personam, che peraltro hanno sempre fatto cilecca.

Ggerardo

Gio, 29/08/2013 - 13:07

Ma che belle personcine ci sono al PdL...

Noidi

Gio, 29/08/2013 - 13:30

@myollnir: vero che in nessun paese al mondo esiste una legge del genere. Anche vero che nessun paese al mondo ha: Mafia, camorra, 'ndrangheta, sacra corona unita etc. Quindi quella legge ci vuole, eccome. Poi sta ai politici di incontrare/frequentare solo gente "onesta". Cosa che avviene in qualsiasi paese al mondo, solo da noi una prostituta brasialiana ha il numero di cell. del Premier. Solo da noi mafiosi, spacciatori, prostitute, evasori, corruttori hanno stretti rapporti con i politici alla luce del sole.n QAuindi non facciamo i paragoni con il resto del mondo solo quando fa comodo. A questo punto io potrei dire: Per il falso in bilancio in tutto il mondo c'è la galera, solo in Italia si paga una piccola multa.

odifrep

Gio, 29/08/2013 - 14:01

Ggerardo 13:07 - e non hai visto quelle dentro il PD.........ti verrebbe un infarto.

myollnir

Gio, 29/08/2013 - 14:04

Noidi: al contrario, le mafie esistono in tutto il mondo, oltre ad essere un prodotto di esportazione del nostro meridione ne esistono di autoctone ovunque. Al contrario, neppure in Italia c'è una legge del genere: si tratta solo di una interpretazione della giurisprudenza. Al contrario, se non commetto reati, io posso incontrare chi mi pare, senza chiedere il permesso a lei, né chiedere il certificato di buona condotta ai miei amici; al contrario, la maggior parte dei politici di alto livello, in Italia e all'estero, avendo denaro e potere, hanno frequentazioni allegre (ma sono più prudenti di SB, certo). Al contrario, il falso in bilancio è ancora previsto come reato punibile con la galera, anche in Italia: chieda a Fiorani (BPI, condannato a 3 anni e mezzo).

Ritratto di Geppa

Geppa

Gio, 29/08/2013 - 14:09

Magristrati comunisti...ahahah

Mr Blonde

Gio, 29/08/2013 - 14:14

noidi in italia il falso in bilancio c'è eccome, la norma cambiata non esclude il penala ma i soggetti che possono agire, si informi meglio prima di (stra)parlare. Poi che non sia punito come in altri paesi è vero, ma è anche vero che anche tanti altri reati da noi molto più violenti di quelli amministrativi e/o fiscali sono comunque puniti in maniera molto più blanda che in altri paesi.

true_blogger

Gio, 29/08/2013 - 14:19

E un altro. Ma Silvio seleziona direttamente dai registri delle forze dell'ordine? A sinistra ci sono stati scandali di questo tipo, ma ragazzi, per il PDL/Forza Italia l'avviso di garanzia seguito da arresto è quasi un requisito per diventare parlamentare!

franco@Trier -DE

Dom, 01/09/2013 - 15:33

vedo che nessuno lo critica avrei voluto vedere se fosse stato del PD un sinistrato come trombavano le trombe,conclusione? Ne l'uno ne l'altro.