Arretra Montepaschi

Il clima di incertezza che regna sui mercati borsistici non ha impedito a Piazza Affari di iniziare la settimana su basi positive, nonostante le vicende giudiziarie che hanno coinvolto le «banche delle scalate». Gli indici di Borsa registrano un miglioramento dello 0,2%, che portano il risultato mensile in vantaggio di quasi il 5% e quello annuale di poco inferiore al 9%. In netto calo invece il volume degli affari, con scambi per 2,85 miliardi. Il settore che ha dimostrato una maggiore vivacità è quello energetico, con Eni che, nel «durante» ha segnato un nuovo record storico, per chiudere in rialzo del 2,5%. Bene anche Erg e Saipem, in ulteriore progresso dell’1,2%. Avvio di settimana positivo per Fiat, in rialzo del 4,3% sopra i 7 euro, in vista della pubblicazione dei risultati del secondo trimestre. Deboli i bancari, con Montepaschi in ulteriore calo del 3,3% dopo il rally delle scorse settimane; deboli anche Generali e Mediobanca. Tra i titoli turistici in calo Viaggi del Ventaglio (meno 2,3%) ma piatta Grandi Viaggi. In fondo al listino da segnalare l’ulteriore crescita di Perlier (più 13%); riprende quota Risanamento (più 5,5%), e risveglio di Prima industrie che guadagna oltre il 3%.