Arretrano gli assicurativi

Piazza Affari si è allineata all’andamento depresso delle Borse mondiali. Unico dato in crescita il volume degli scambi, che ha segnato il nuovo record di 10,2 miliardi di controvalore. Gli indici principali sono in rosso di 1,2 punti, mentre il Comit ed il Mediobanca limitano la flessione a 0,9 punti. Addirittura positivo l’Expandi (più 0,24%). Nel comparto bancario diffuse cedenze per le blue chips, dove solo Intesa Sanpaolo ha potuto contenere le erosioni, limitate anche al duo Popolare Milano-Bper alla conferma di trattative in corso per una possibile fusione. In netto calo Fiat e le holding di controllo e netta flessione di Enel (meno 1,3%). Giù gli assicurativi, con Generali che arretra di quasi il 3% ed Unipol intorno al 2%. Il rinvio di decisioni sul futuro di Mittel ha provocato una caduta del titolo (meno 5,4%), mentre lo scarso flottante ha prodotto erosioni su Gemina (meno 6,8%), Montefibre (meno 6,3%) e AS Roma (meno 7,3%).