Arriva a Milano Mo Yan, il Garcia Marquez del Celeste Impero

Martedì 29 e mercoledì 30 giugno due incontri con il romanziere cinese. A Palazzo delle Stelline assisterà alla proiezione del film «Sorgo rosso» di Zhang Yimou (Orso d'Oro a Berlino nel 1988), tratto dal suo romanzo. In Statale, invece, dialogherà con i lettori milanesi

È il Garcia Marquez del Celeste Impero e sarà a Milano il 29 e 30 giugno per un incontro con i lettori italiani. È Mo Yan, scrittore tra i più importanti della Cina contemporanea, esponente del cosiddetto «movimento delle radici». Gli incontri, organizzati dall'Istituto Confucio in collaborazione con l'Università degli studi di Milano, faranno conoscere al pubblico milanese questo prolifico autore di romanzi, sceneggiature e racconti. Da trent'anni al vertice della cultura cinese (a lungo è stato stipendiato dall'Esercito popolare), ha raccontato il suo Paese a tutto il mondo ed è tradotto in 18 lingue.
Martedì 29 giugno, alle ore 21, Mo Yan (nom de plume che significa "Senza parole") sarà alla sala del centro culturale francese presso il Palazzo delle Stelline, in via Magenta, dove assisterà alla proiezione in italiano di «Sorgo rosso», adattamento cinematografico del suo omonimo romanzo. Il film, nominato all'Oscar di miglior film straniero, vincitore dell'Orso d'oro a Berlino nel 1988, è stato realizzato dal regista di «Lanterne rosse», Zhang Yimou.
Mercoledì 30 giugno, dalle 18, lo scrittore sarà invece nella sala di rappresentanza presso l'Università di Milano, in via Festa del Perdono, dove dialogherà con i lettori sulla sua trentennale carriera, sul suo stile e sulle dinamiche culturali ed editoriali in Cina. Sarà inoltre possibile inviare preventivamente alcune domande da «girare» a Mo Yan, all'indirizzo mail info.confucio@unimi.it.