Arriva il «riso Frankenstein» chicchi con geni umani

da Washington

Nel panorama, non sempre rassicurante, del cibo-Frankenstein arriva un nuovo «mostro»: il riso con i geni umani. Le autorità americane hanno dato via libera ad una compagnia della California per la produzione sperimentale del primo esemplare di pianta di riso contenente geni provenienti dall'uomo. Il riso conterrà nei suoi semi proteine del sistema immunitario destinate a diventare prodotti contro la diarrea. Gli stessi semi potranno essere aggiunti a prodotti destinati ai consumatori di «health food», dallo yogurt alle barrette di cioccolata. La compagnia biotecnologica «Ventria», che ha il quartier generale a Sacramento (California), ha sviluppato 3 diversi tipi di riso contenente geni umani che possono portare alla produzione di 3 proteine umane: due di loro (lactoferrina e lisozima) contengono sostanze che combattono i batteri e si trovano nella saliva e nel latte materno.