Arrivano gli Horrors, fenomeno made in England

Le nuove promesse della musica internazionale salgono sul palco del Pulp per sposare due cause benefiche. Da oggi e per l'intero mese il locale di via Alserio, in zona Isola, ospiterà Inedito, l'iniziativa nata per lanciare le giovani rivelazioni della scena musicale e per sostenere l'Amref, rappresentata dal regista Icio Deromedis, impegnata nella realizzazione di pozzi idrici nell'Est dell'Africa, e l'Associazione Progetto di vita, che combatte il problema dell'indebitamento dei cittadini.
Mic & Squalo, Fanya, Morera, Cinzia Belli, Giorgio Cocco, Dj Panico, sono alcuni dei nomi dei 16 artisti (tra singoli e gruppi), di etnie differenti, che si esibiranno, a titolo gratuito e senza intenti di sfida, alla presenza di noti cantanti e band, quali Alberto Fortis e Simone De Marinis, ospiti della prima serata, Le Vibrazioni e Negramaro. Ogni venerdì (ore 21) si cimenteranno in generi completamente differenti, con brani editi e inediti, accompagnati dalla base musicale dei General Amanda, e animeranno le notti milanesi anche nel mese di giugno, in locali e luoghi all'aperto della città, per poi partecipare alla Notte bianca di ottobre. Obiettivo della manifestazione, presentata dal conduttore Paky Arcella, è «trasformare Milano nella città della musica» afferma Biagio Maimone, presidente dell'associazione Progetto di Vita, che, a tal proposito, ha promosso la nascita presso il Pulp di un «laboratorio musicale permanente», un giorno a settimana, in cui i gruppi potranno liberamente esibirsi e sperimentare nuovi stili vocali e sonori. «Il nostro slogan - continua Maimone - è libera espressione musicale e culturale per la gioventù» cui è affidato il compito di riscoprire i valori di una sana e costruttiva aggregazione. L'evento poi è legato alla raccolta di fondi a favore di Amref e Progetto di Vita, associazioni che si interessano di realtà geografiche diverse, ma permeate dalla stessa problematica, purtroppo non superata: la povertà. Vogliamo costruire più pozzi possibili per la popolazione africana e favorirne lo sviluppo, così come vogliamo sanare le deformazioni di una società del benessere che porta al sovraindebitamento dei cittadini, rendendoli non solo poveri, ma infelici e spaventati, perché schiavi di debiti non gestibili».
La manifestazione si avvarrà anche del contributo di Rizofonic di Mario Riso, legata ad Amref, che gestisce oltre 60 gruppi musicali e che ha già realizzato un video e un cd finalizzati alla costruzione di pozzi in Africa. La società Artestars di Maurizio Castelli, invece, si occuperà dell'organizzazione dell'evento. Giunto alla sua seconda edizione (la prima era dedicata alla fondazione Exodus), Inedito, conta sul patrocinio di varie istituzioni, prime tra tutte Regione e Provincia oltre a quella del quotidiano Il Giornale. Ogni serata (già decise stasera, 11, 18 e 25 maggio) è a ingresso gratuito, con consumazione obbligatoria e con il ricavato devoluto interamente ad Amref e Progetto di Vita.