Arrivano le ruspe: parte l’isola di Chinatown

Promessa mantenuta, tempi rispettati. Sono arrivate le ruspe in via Paolo Sarpi, nel cuore della Chinatown milanese. È il via ufficiale ai lavori per realizzare l’isola pedonale che cambierà volto e abitudini del quartiere cinese. Si procederà per tappe: prima realizzando un’isola pedonale «spuria», cioè con l’accesso consentito solo ai residenti con posto auto. E poi con l’isola pedonale vera e propria. Il quartiere a un passo da Brera sarà popolato di fioriere, di tavolini e ombrelloni messi fuori dai locali. Cambierà volto insomma e piano piano si arriverà a dimenticare negozi all’ingrosso, scatoloni e camioncini che caricano e scaricano a tutte le ore.
Il traffico delle merci sarà consentito solo per un paio di ore al giorno, non un minuto di più. Solo gli alimentari potranno rifornirsi per un’ulteriore fascia di due ore. Nel 2009 partiranno i lavori per la vera e propria pavimentazione. In tutto, per procedere con il piano, sono stati stanziati 5 milioni di euro. Grazie a cinque telecamere ci saranno controlli serrati sul traffico e multe salate per i trasgressori.
L’obbiettivo è anche quello di convincere i grossisti cinesi che è meglio lavorare in un’altra zona. L’isola pedonale, la zona a traffico limitato e tutto il resto faranno da dissuasore. Anche l’autobus 43 e gli altri mezzi pubblici modificheranno il loro percorso.