Arrivano sgravi per le banche Da Trento e Bolzano 1 miliardo

RomaArrivano sgravi fiscali per le banche che aderiscono alla moratoria per i debiti delle piccole e medie imprese. Sui prestiti «congelati» si calcola un rendimento del 2% che viene escluso dall’imposizione fiscale (sale al 3% se la rimodulazione delle scadenze viene effettuata entro il 31 dicembre). Il governo ha presentato ieri alla commissione Bilancio della Camera un pacchetto di 14 emendamenti alla Finanziaria, con molte novità rispetto al testo approvato in Senato. Non solo il «premio» per le banche, ma anche un pacchetto welfare che prevede sgravi ai datori di lavoro che assumono ultra-cinquantenni. Il ministri Tremonti e Calderoli hanno poi raggiunto un accordo con le province di Trento e Bolzano, che verseranno 1,1 miliardi in cambio di maggiore autonomia, nell’ambito del federalismo fiscale. L’intesa troverà spazio nella Finanziaria, ed è la prima volta che, anziché ricevere, due enti locali contribuiscono alla finanza pubblica.
Dove va lo scudo. Un emendamento stabilisce la destinazione dei 3,7-4 miliardi di euro provenienti dallo scudo fiscale. Andranno ad autotrasporto, missioni di pace, 5 per mille, rinvio delle scadenze fiscali in Abruzzo, interventi in agricoltura, fondi per università e scuole paritarie, giustizia. Si prevede inoltre un fondo per le categorie «socialmente svantaggiate». Non vengono quantificate le risorse per ciascuna voce.
Pacchetto lavoro. Tutti gli ammortizzatori sociali in deroga sono prorogati per l’intero 2010, e ne vengono introdotti di nuovi per le situazioni ancora non coperte. Il governo stanzia 200 milioni per raddoppiare (da 2mila a 4mila euro) l’assegno una tantum per i «co.co.pro» che perdono il lavoro. Altri 120 milioni vanno a finanziare gli sgravi contributivi per i datori di lavoro che assumono ultracinquantenni disoccupati. Semplificate le procedure per ottenere l’indennità di disoccupazione, e arrivano 100 milioni per il rilancio dell’apprendistato. Si conferma la detassazione del 10% sul salario di secondo livello. Introdotti premi (fino a 1.200 euro) per le agenzie che collocano i disoccupati in una azienda.
Iva sulla tassa rifiuti. L’imposta indebitamente pagata potrebbe essere restituita sotto forma di detrazioni Irpef: costo un miliardo. Un miliardo andrà anche per contrastare i rischi idrogeologici, mentre l’Anas è autorizzata a ricapitalizzare la società Stretto di Messina per 470 milioni, a partire dal 2012.
Pacchetto enti locali. Novità sul patto di stabilità interno: gli enti locali «virtuosi» potranno ridurre il concorso alla manovra di finanza pubblica. Tagliato il numero dei consiglieri comunali e provinciali, e degli assessori. Soppresse le Circoscrizioni nei Comuni con meno di 180mila abitanti. Lo Stato non finanzierà più le Comunità montane, ed è abolito il difensore civico comunale. Per Roma arrivano 600 milioni tramite la vendita di immobili della Difesa. Tra le altre novità, il cedolino unico per gli statali e 85,3 miliardi per l’agricoltura. Confermata l’assunzione di agenti di polizia e vigili del fuoco.