Arrivano «tutor» e autovelox per tir

Per aumentare la sicurezza del complesso viario della Valle Scrivia, l’Assessore Luigi Merlo, insieme ai sindaci delle località interessate e ai vertici di Autostrade per l’Italia, ha proposto di dotare alcuni tratti dell’A7 Genova-Serravalle di un tutor di rilevazione di velocità dedicato ai mezzi pesanti. L’utilità del dispositivo verrà monitorata da un tavolo tecnico.
Ma mentre l’idea dell’assessore dovrà ancora essere valutata, c’è già un progetto in dirittura d’arrivo. Lo annuncia il mensile specializzato «Quattoruote» e riguarda ancora una volta la Liguria. Controlli di velocità a tappeto saranno effettuati a partire dai prossimi giorni su tutte le autostrade italiane, grazie ad un gran numero di nuovi dispositivi elettronici dotati di telecamere in corso di installazione, in grado di «inseguire» i veicoli per diversi chilometri verificandone il rispetto delle norme del codice della strada. In un tratto autostradale di 200 chilometri potranno trovarsi anche 20 «tutor» elettronici, capaci di registrare la velocità media di un veicolo lungo alcuni chilometri. Tra i tratti sottoposti a maggior controllo - anticipa il mensile - ci sarà l'A26 Voltri-Gravellona Toce, nella sezione compresa tra l'intersezione con l'autostrada A10 Genova-Ventimiglia e quella con la bretella che porta dall'A26 all'A7 Milano-Genova (per un totale di 45 km).