In arrivo Robin-tax e sconto sugli affitti

Da Osaka il ministro dell’Economia Tremonti annuncia che l’imposta straordinaria
sui petrolieri sarà varata mercoledì, con il piano economico triennale. Il sottosegretario Casero: cedolare secca sui redditi da immobili

da Roma

Dal Giappone, Giulio Tremonti annuncia che mercoledì prossimo il Consiglio dei ministri varerà la Robin Hood Tax, il prelievo straordinario sugli utili dei petrolieri all’interno del piano triennale per l’economia. «È una tassa bellissima, che non ha fini di tassa», dice, ironizzando su una frase del suo predecessore, Padoa-Schioppa. E quanto al rischio che i petrolieri ne scarichino il costo sui prezzi finali, il ministro avverte: «Ditegli che ci provino... ».
Il pacchetto economico in arrivo il 18 giugno si annuncia vasto. Fra le misure fiscali potrebbe trovar posto anche la «cedolare secca» sugli affitti, ovvero un prelievo percentuale fisso (si era parlato, in passato, del 20%, sui redditi degli immobili). Il governo, ha annunciato alla Camera il sottosegretario all’Economia Luigi Casero, «sta valutando la possibilità di introdurre la cedolare secca sugli affitti». Dopo aver eliminato l’Ici prima casa, il governo potrebbe dunque alleviare il forte carico fiscale sugli affitti, con un meccanismo che obblighi il proprietario a trasferire parte del vantaggio fiscale sull’inquilino, attraverso un sconto del canone di locazione. Va in questo senso anche una proposta di legge già presentata da Benedetto Della Vedova (Pdl). Lo sconto fiscale potrebbe far emergere molti affitti in nero, aumentando la base imponibile e compensando così almeno in parte le minori entrare fiscali.
Con il piano triennale da 34,8 miliardi il governo mercoledì approverà anche un decreto legge con tagli per 1,5-2 miliardi di euro nel 2008, per portare il disavanzo al 2,4%. Buona parte dei tagli del piano triennale si abbatterà sugli enti locali e sulla sanità, rispettivamente 9,2 e 3 miliardi di euro. Ma insieme con i tagli arrivano liberalizzazioni, semplificazioni, e la sospirata riduzione delle accise sui carburanti a favore di pescatori, agricoltori e autotrasportatori. In arrivo anche due fondi della Cassa Depositi e Prestiti per rilanciare - con 7 miliardi di euro - le opere pubbliche, dalle autostrade alle infrastrutture idriche. Dal ministro del Welfare Maurizio Sacconi dovrebbe giungere l’abolizione del divieto di cumulo fra pensione e lavoro. In settembre, insieme con la legge finanziaria, il governo appronterà anche il provvedimento sul federalismo fiscale.
«Ne stiamo discutendo con l’opposizione e con tutte le Regioni - conferma Tremonti -: sarà una vera riforma fiscale, e partirà da una ricerca di dati statistici condivisi». A proposito dell’eliminazione delle province, il ministro dell’Economia è in dubbio: bisognerebbe modificare la Costituzione, ricorda, «e comunque ci sono province e province: quella di Milano non ha tanto senso, quella di Sondrio sì».