In arrivo dalla Ue 42 milioni di euro per la ricostruzione

La Commissione europea stanzierà 42 milioni di euro di aiuti in favore del Libano, un nuovo contributo agli sforzi per la ricostruzione del Paese, colpito dal conflitto con Israele. Il commissario europeo per le relazioni esterne, Benita Ferrero-Waldner, lo comunicherà oggi alla conferenza internazionale dei donatori sul Libano che si tiene a Stoccolma e che mira a coordinare i finanziamenti.
La somma si aggiungerà ai 50 milioni di euro che l’Unione europea aveva già stanziato per le necessità più urgenti del governo di Fouad Siniora, portando l’impegno europeo a 92 milioni, uno dei più consistenti da parte della comunità internazionale.
Il dispositivo della Commissione, che autorizza il nuovo esborso, prevede un’assistenza tecnica al Libano in vista del processo di ricostruzione, che verte sulle infrastrutture e l’ambiente, un sostegno in favore dello Stato di diritto e del miglioramento della sicurezza interna, nonché un appoggio al settore privato libanese destinato a sostenere il rilancio dell’economia. Gli aiuti dovrebbero consentire, quindi, non solo i lavori di ricostruzione più immediati ma permettere di gettare le basi per reindirizzare, nel lungo termine, il sostegno alle riforme politiche ed economiche.