Arsenal e Liverpool non si fanno male

In Premiership il Chelsea può riagguantare i Reds. In Spagna gli azulgrana passano anche a Villarreal e fanno il vuoto. Boca Juniors a un passo dalla vittoria in Argentina<br />

INGHILTERRA. Ci sono rossi che vincono il mondiale per club in Giappone e rossi che limitano i danni a Londra. Mentre il Manchester United trionfava contro la Lega Deportava Quito grazie a Rooney, i leader della Premiership uscivano indenni dall’Emirates Stadium. Il Liverpool ha infatti strappato un pareggio all’Arsenal, prossima rivale della Roma in Champions, che ha perso per almeno un mese Fabregas. Nell’1-1 finale in rete Van Persie e Keane. Buon risultato per Benitez, ma potrebbe non bastare per tenere a distanza il Chelsea, impegnato stasera nel Monday night al Goodison Park dell’Everton. Inarrestabile l’Aston Villa, che stavolta ringrazia l’autorete di Neill, decisiva nello 0-1 con cui regola il West Ham di Zola, ora quartultimo. A picco anche il Mancester City di Robinho, sconfitto dal fanalino di coda West Bromwich.

SPAGNA. La Liga rischia seriamente di concludersi prima di Carnevale. La sensazione di strapotenza che dà il Barcellona è impressionante anche al Madrigal di Villarreal, dove Keita e Henry ribaltano il vantaggio amarillo di Cani e dove la difesa catalana poi resiste nonostante l’inferiorità numerica. Poco spettacolo ma tre punti d’oro per il Real Madrid, che batte 1-0 il Valencia e presenta il nuovo acquisto Lassana Diarra (ex Chelsea, Arsenal e Portsmouth). Sorprende ancora l’Atletico Madrid (3-2 in casa dell’Espanyol sempre più in crisi), mentre la seconda vittoria consecutiva è ossigeno per l’Athletic Bilbao (1-0 in casa del Betis Siviglia).

RESTO D’EUROPA. Con la Bundesliga tedesca ferma fino al 30 gennaio, attenzione sulla Francia. Il Lione si affida a Benzema per vincere a Caen e per mantenere i 3 punti di vantaggio sul Bordeaux. I Girondins sono protagonisti del match più spettacolare della giornata: sotto per 3-0 allo stadio Louis II di Monaco, la squadra di Gourcuff va addirittura a vincere per 4-3, staccando Paris Saint Germain e Marsiglia (che crolla in casa per 3-0 contro il Nancy). In Scozia niente di nuovo sotto la pioggia: sia la capolista Celtic sia gli inseguitori dei Rangers fanno bottino pieno (i cattolici vincendo 3-0 a Falkirk; i protestanti battendo 1-0 l’Hibernian ad Ibrox Park). In Olanda l’Ajax demolisce per 6-0 in trasferta il De Graafschap, ma l’AZ non molla e resta a +3 (2-0 sull’Utrecht). In Portogallo stasera il Benfica ha l’opportunità di allungare: gli inseguitori più immediati, il sorprendente Leixoes, è stato fermato sul pari e anche il Porto – in risalita – non è andato oltre lo 0-0 con il Maritimo. Se le aquile di Lisbona stasera dovessero battere il Nacional, andrebbe a +4.

ARGENTINA. Concluso il Torneo di Apertura con tre squadre a pari punti, sono iniziati gli spareggi. Nel primo, il San Lorenzo de Al magro ha battuto il Tigre per 2-1, ma nella seconda sfida – nonostante il gol dell’ex interista Solari -, i rossoblu del quartiere Boedo di Buenos Aires hanno dovuto inchinarsi al Boca Juniors. I Xeneixes, che hanno chiuso in doppia superiorità numerica, hanno vinto 3-1 e se basterà un pareggio contro il Tigre per portare alla Boca l’ennesimo titolo argentino.