Art Fine è la vetrina del lusso di Francia

In show room raffinata scelta di oggetti di antiquariato. L'expertise di Rastelli

Mirko Marazzi

Il mobile francese dell'Ottocento è caratterizzato da una varietà di stili e di movimenti senza precedenti: all'inizio del secolo si afferma lo stile Impero di ascendenza napoleonica (1804-1815) che poi sarà superato dallo stile Restaurazione (1815-1830) e dal Carlo X (1824-1830). A metà del secolo si svilupperanno gli stili Biedermeier e Luigi Filippo (1830-1848). Le ultime derivazioni romantiche fanno prevalere il ritorno al passato con il neogotico e il neorinascimentale (1850-1870). Il secolo si chiude con Eclettismo ed Esotismo (1880-1890).

Gli amanti dell'antiquariato francese ora hanno un'occasione in più per assecondare la propria passione. A Milano in via Cellini 19 ha di recente aperto lo showroom di Art Fine. Giuseppe Rastelli, dopo 40 anni di collezionismo, ha deciso di aprire una attività specializzata in compravendita di oggetti di antiquariato francese e italiano. In particolare, il core business è rappresentato dai mobili antichi, dai bronzi, ma anche da lampadari e oggetti decorativi in marmo.

Insomma, chi vuole dare alla propria abitazione un tocco di classicità non potrà non concentrarsi sullo stile Carlo X. Le sue forme gentili, le dimensioni più ridotte rispetto allo stile Impero e gli elementi decorativi più semplici, costituiti da filettature con legni chiari su sottili impiallacciature scure, possono ben adattarsi anche alle abitazioni contemporanee. Spesso nei mobili Carlo X le superfici frontali vengono curvate e i fianchi rimangono dritti. In questo modo si può creare, ove il padrone di casa propenda per una variazione stilistica in uno stesso ambiente, un effetto di «rottura» che spezza la monotonia. Analoghi elementi si trovano anche nell'Ottocento italiano, specialmente in quello veneto.