Arte e cucina di alto livello

Aiako Yamashina vuol dire fashion. A Milano vive ormai da una trentina d’anni come corrispondente free-lance per la stampa giapponese che da sempre presta molta attenzione al «made in Italy». La signora è convinta che i milanesi abbiano con gli stranieri un rapporto più umano che altrove. Per chi opera nel settore della moda integrarsi è davvero semplice: si va alle sfilate, alla Scala, nei soliti ristoranti e si condividono gli stessi hobby. Per Aiako Yamashina, Milano è una città che può offrire molto per gli stranieri che amano godersi la vita (e possono permetterselo). «Non esiste però soltanto lo shopping - sostiene -. C’è chi apprezza l’offerta culturale di alto livello o la cucina: i giapponesi, notoriamente restii al formaggio, oggi capitolano dinnanzi alla mozzarella di bufala».