Arte e musica complici in soccorso di Santa Cecilia

L’idea, semplicissima, persino scontata, è quella di mettere insieme due forme d’arte, quella visiva e quella musicale, perché l’una venga in aiuto all'altra, allargando nello stesso tempo le due platee. L’idea è venuta a Federica Tittarelli, collezionista d’arte e musicofila appassionata. Alla terza edizione, l’intraprendente mecenate, contando sulla generosità dei due artisti coinvolti nel progetto, si augura di riuscire a raccogliere una somma superiore a quella degli anni passati - quando raggiunse la ragguardevole cifra di 200mila euro - da versare interamente nelle casse sempre più esangui dell’Accademia di Santa Cecilia che, ovviamente, ringrazia.
Stasera alle19.30 lo spazio Risonanze dell’Auditorium ospita l’inusuale installazione/performance di Michelangelo Pistoletto che per la prima volta svela il suo progetto Love Difference, incarnato in un grande tavolo specchiante, che ha la la forma del Mediterraneo, circondato da tante sedute, diverse una dall’altra, quanti sono i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, i quali le hanno inviate come messaggere delle rispettive culture e civiltà. Di fianco al tavolo anche un Armadio Mediterraneo, per raccogliere e conservare messaggi, immagini, profumi, fantasie desiderata dei popoli del «mare nostrum». Giovanni Sollima, violoncellista di fama e compositore prolifico quanto fantasioso, ha sposato in pieno l’idea di Pistoletto, affascinato dall’idea dello specchio che riflette le immagini; a somiglianza di se stesso che - come spesso si è detto di lui - si riflette nel suo violoncello e viceversa. Per la sua singolare partecipazione ha scelto di interpretare un’opera «circolare», il cui titolo «Concerto rotondo», si ispira a rituali sacri e tradizioni di area mediterranea. Pistoletto ha realizzato, gratuitamente, cento opere che riproducono il profilo suo e del musicista, l’uno di fronte all’altro, ma anche l'uno riflesso nell'altro, firmate e numerate, messe in vendita per raccogliere fondi da destinare all’Accademia.
La serata inaugurale verrà filmata e trasmessa su grande schermo per tutta la durata della mostra, che si concluderà a metà giugno. L’installazione di Pistoletto sarà visibile tutti i giorni nello Spazio «Risonanze» fino alle ore 19. Auditorium. Spazio Risonanze. Info: 06.80.820.58