Arte, Giovanni Ozzola vince il premio Cairo

Eletto il primo classificato alla 12ma edizione della manifestazione legata al mensile Arte

E' Giovanni Ozzola il vincitore della 12ma edizione del Premio Cairo, la manifestazione legata al mensile Arte, promossa dall'editore Urbano Cairo a sostegno della giovane arte.
L'opera inedita che ha messo d'accordo la giuria si intitola "Don't ask me ask yourself" ed è composta da 2 stampe digitali, che misurano 150x265 cm ciascuna.
Come già l'anno scorso anche per questa edizione, curata da Luca Beatrice, la condizione obbligatoria per concorrere al Premio è l'assoluta originalità del lavoro presentato dall'artista, che non deve essere stato esposto o pubblicato in precedenza. Nessun vincolo o direttiva invece per quanto riguarda i linguaggi e le tecniche impiegate dagli artisti che hanno avuto a disposizione per realizzare il proprio progetto uno spazio di dimensioni uguali per tutti.
La Giuria era composta da: Flavio Arensi, Critico d'arte e direttore scientifico del progetto SALe (Spazio Arte Legnano); Michele Bonuomo, Direttore di del mensile Arte; Guido Curto, Direttore dell'Accademia Albertina di Torino; Gianfranco Maraniello, Direttore di MAMbo Museo d'arte moderna di Bologna; Marco Pierini, Direttore della Galleria Civica di Modena; Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente Fondazione Sandretto di Torino.
La Giuria ha indicato la seguente motivazione:
Giovane età, buon curriculum, esecuzione suggestiva, fotografia pregnante. Nel lavoro fotografico si raggiunge il momento culminante di un percorso che da diverso tempo indaga il tema classico del paesaggio e della luce.
Giovanni Ozzola utilizza la fotografia digitale per realizzare stampe di grandi dimensioni dove protagonista è la luce, immortalata nei diversi attimi della giornata, al mattino e al tramonto, o scorsa al di là di una saracinesca. La luce è intesa dall'artista come spazio, come luogo della percezione visiva.