Un’artista in mezzo ai libri per bambini: Patrizia Del Papa entra alla De Amicis

Genova sa essere piccola. Nelle sue creuze quanto in quelle letture che alla biblioteca De Amicis sono a misura di bambino non dimenticando di sorridere anche a quelli che hanno patente, lavoro o pensione. In molti s'incrociano tra postazioni lettura, musica e internet al II piano dei Magazzini del Cotone al Porto Antico di Genova, dove dal '99 la prima biblioteca d'Italia per ragazzi ha trovato casa dopo vari pellegrinaggi. E molti, d'altronde, dei suoi «trascorsi» e delle sfide quotidiane ignorano le coordinate: pare tutto naturale in questo spazio dove chi è «in erba» cresce tra letture e iniziative che invitano a essere protagonista. Con mamma o insieme alla propria classe per scoprire come prima della pubblicità ci fosse Carosello, quanto la poesia vada d'accordo con la musica o imparare l'abc del fumetto. L'ispirazione non manca tra quasi 60 mila titoli che spaziano dalla narrativa per ragazzi e adulti fino ai fumetti con, ciliegina sulla torta, una sezione di libri rari. Ma di ciliegina lo staff ne voleva un'altra per essere ancora più vicino alla città che guarda al suo porto tra i libri. Perché centri di vita e cultura sono i silenzi delle biblioteche, ove le iniziative sono gratuite e spesso frutto della passione del personale. E così ecco alla De Amicis la prima mostra personale «Reale Altro» di Patrizia Del Papa. Artista che dagli studi all'Accademia con Piero Terrone ha ereditato la passione non solo per la pittura ma anche per l'insegnamento, che coltiva nella sua Scuola del Vedere in piazza Pinelli adesso in tournée alla De Amicis. Un'idea, qualche telefonata e in un paio di giorni i posti per i suoi laboratori gratuiti per le scuole (in corso come la mostra fino al 21 febbraio) sono presto esauriti. C'e sete d'iniziative e già si pensa a quando riorganizzarli. Nel frattempo tra le sue opere in mostra - oli e disegni che guardano alla natura ligure - sono già arrivate una IV elementare e una III media. Per tutti la dolcezza del gioco per imparare che l'arte e la pittura sono questioni serissime. Pieno, vuoto, luce e colore: qualche nozione e inizia l'avventura in un mondo che dai libri pare spesso lontano (e noioso) ma che qui diventa proprio tra regole, certo, ma anche istinto e creatività con lo studio dal vero. Perché una certa leggerezza è amica dell'apprendimento. E quello che qui alla De Amicis tra libri e laboratori si cerca di regalare è la passione. Sorella di quella curiosità che prima fa crescere e poi vivere.